Cappellino a ferri accorciati

Cappellino a ferri accorciati

Non sapevo fare molto bene questa tecnica di lavorazione, con la quale si “torna indietro” senza finire il ferro, ottenendo in questo modo lavorazioni di dimensioni diverse. Poi sul sito di Barbara Ajroldi  ho trovato delle spiegazioni così chiare che hanno reso il lavoro molto semplice. Il problema in questo caso è di non lasciare un buco dove si gira il ferro, cosa che prima mi succedeva sempre. Ora invece, guardate il risultato:

Questo cappellino è realizzato con questa tecnica. In genere si fanno questi berretti partendo dal basso e diminuendo verso la fine, oppure al contrario iniziando con poche maglie e poi aumentando verso il bordo. Questo invece è fatto lateralmente, diminuendo sul capo appunto con il ferro accorciato, cioè non arrivando fino alla fine del ferro, ogni volta di un punto in meno. Se volete cimentarmi, trovare il pattern sul sito di Barbara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.