Posted on Leave a comment

Plaid a punto entrechat

Da tanto volevo provare a lavorare questa tecnica, si chiama “entrechat” ed è una lavorazione che prevede una svolta continua di quadrati, o rettangoli, senza cuciture. Si parte con una fila di triangoli, poi si riprendono i punti su un lato e si torna nell’altro senso, formando dei quadratini. Si continua così fino alla dimensione desiderata. Più semplice lavorarla che spiegarla…

All’inizio ho avuto un po’ di difficoltà a memorizzare i vari passaggi, mi sono aiutata con dei video su youtube, ma poi fatta qualche riga ho finalmente fatto mio il meccanismo e sono andata via senza più problemi. Ho trovato questo filato variegato che ha le stesse tonalità del mio divano e della mia poltrona, e che trovo bello per questo lavoro perché evidenzia ancor più la lavorazione.

Posted on Leave a comment

Rosso veneziano

E’ il colore di questi due bellissimi filati che ho ricevuto in regalo. Uno così sottile che dubitavo di riuscire a lavorarlo, l’altro un morbido mohair. Così li ho uniti – dato che la tonalità di rosso era identica – e ne ho ottenuto un morbido e voluttuoso poncho.

Non vedo l’ora di indossarlo!

Posted on Leave a comment

L’estate sta finendo…

…e io mi sono accorta che non ho più scritto nulla. Però ho sferruzzato, questo si. Mi sono fatta ben due nuovi ponchi, uno in cotone azzurro e uno sempre in cotone nero ma con un filo d’argento a illuminarlo. Questo è pensato per la sera, per le mie uscite a concerti e spettacoli vari.

Poi a fine luglio sono venute le mie figlie con relative famiglie in vacanza a Lugano, e naturalmente “mamma che bello quel poncho! ne fai uno anche a me?” e “mamma che bello quel quadretto ricamato! ne vorrei uno anch’io così…” e via dicendo. E la mamma, che fa? si mette all’opera per accontentarle.

Così ecco un secondo poncho azzurro  ma con una banda giallo-acido in fondo:

Con ancora qualche filo da fissare, e da lavare e ripassare a vapore per togliere le pieghe.

Ed ecco poi un secondo ricamo per l’altra, che poi provvederà a far incorniciare lei, visto che dovrò spedirlo fino in Canada:

 

Amore di mamma!

Posted on Leave a comment

Ruggine, o Missoni, o Pumpkin, insomma un nuovo poncho

 

Tempo fa mi hanno regalato alcuni gomitoli di questa lana Missoni, sui toni dell’arancio-ruggine. Non era molta, ma era molto bella, così ho cercato e trovato un filato simile sia nel tono del colore che nella qualità, e ho trovato della bella alpaca della Drops.

Avevo poi in archivo una fotografia recuperata credo da Pinterest, di un bellissmoponcho realizzato a legaccio e con una costruzione diversa dal solito. Le spiegazioni (poche) erano in spagnolo, ma più che quelle mi sono aiutata con le immagini e la deduzione logica.

E’ formato da due rombi, quelli realizzati con la lana missoni, si parte con circa 100 m. e si lavorano facendo una diminuzione tripla al centro. Proseguendo sempre in questo modo si arriva ad avere 3 m. alla fine. In seguito si riprendono le maglie sui due lati di uno dei due rombi, e si lavora sempre a legaccio fino ad ottenere un quadrato. A quel punto si unisce il secondo rombo (che va a formare il dietro) e il gioco è fatto.

Alla fine si raccolgono tutti i punti sullo scollo e si lavorano a maglia rasata facendo sempre una diminuzione tripla davanti e dietro. L’effetto finale è questo che vedete nelle foto.

Posted on Leave a comment

Poncho in cotone nato da una stola

Ricordate la stola beige lavorata a grana di riso? E’ diventata un poncho!

Eh sì, mi sono resa conto che alla fine le stole, gli scialli, non fanno per me, non li uso, rimangono inutilizzati nell’armadio ed è un peccato. Così anche questa l’ho disfata per metà e con il filato recuperato ho realizzato la seconda parte del poncho. Due rettangoli che si vanno ad unire.

Non avendo molto filato beige, l’avevo acquistato in saldo per fare qualcosa per Chiara, la mia nipotina, che poi aveva cambiato idea, ho recuperato del cotone marrone scuro che ci sta benissimo insieme, per allungare un po’ i due rettangoli. Essendo in cotone quindi adatto alla primavera o all’autunno non è importante che sia molto grande.

La lavorazione a grana di riso doppia mi piace molto, va via veloce e alla fine fa un bell’effetto.

Posted on Leave a comment

Il mio poncho blu

Pare che quest’anno siano molto di moda, e dato che a me stanno bene mi sto regalando molti ponchi. Questo è in lana merino baby blu, lavorato con i ferri no. 4, con una grande treccia solo sul davanti.

Lo scollo risulta a V per il modello, realizzato con due rettangoli della stessa misura e poi cuciti in mondo da formare il poncho. Per farlo si unisce un lato corto con uno lungo dell’altro pezzo, e viceversa.

Caldo al punto giusto, pronto per essere indossato sopra una semplice maglietta o camicia, ampio e comodo.

 

Posted on Leave a comment

Entrechat, un coprispalle delizioso

E’ il più famoso coprispalle del web, apparso in numerosi blog e siti che parlano di maglia. L’ha ideato Lisa Chemery, in arte Frogginette (su Raverly), ed è stato realizzato da molte appassionate knitter. Me compresa.
Mi piace così tanto che qui ne ho realizzati due, in due taglie diverse e con due colori differenti. E’ un modello adatto più ad una bimba che ad un maschietto, ma nulla vi vieta di farlo in colori adatti al vostro ometto, se ciò vi piace. Forse in quel caso non fate troppa arricciatura, come nel mio modello verde. In questo modo risulta un po’ più maschile.

Si realizza davvero in poco tempo, una giornata piovosa basta e avanza, e pretende poco filato, uno o due gomitoli a seconda della taglia. La costruzione è facile e divertente, si inizia dall’alto come un classico top-down, ma lavorando solo il dietro e le maniche. Chiuse queste, si riprendono i punti per lavorare anche i due davanti. La fascia lavorata è a punto bambù, ma potete sbizzarirvi con punti di vostra scelta.

Tecniche di lavorazione richieste: avvio maglie, maglia diritta, maglia rovescia, due tipi di aumenti, diminuzioni, ripresa delle maglie, gettati.

Se non avete tempo, o voglia, o capacità per realizzarlo da voi, lo trovate già fatto nel mio shop qui.

Posted on Leave a comment

Trasformazione di una stola

Tempo fa ho realizzato questa grande stola, utilizzando lane multicolor di diverse fantasie di colore. Cioè invece di usare sei gomitoli dello stesso bagno e di conseguenza insieme di colori, ne ho scelti sei differenti. Lavorandoli a caso uno dopo l’altro ne è uscita una stola variegata, che ricorda vagamente i lavori di Missoni dei primi tempi.

 

 

Mi sono accorta in seguito che era così grande, e lunga, che difficilmente l’avrei usata. Giaceva inutilizzata sul bracciolo della poltrona in salotto, dove faceva bella mostra di sé ma era assai inutile.
Un giorno ho pensato che avrei potuto trasformarla in qualcosa di più portabile, e coraggiosamente ne ho disfatto la metà, per poi lavorarla nuovamente per formare un poncho.

 

 

Ne è uscito un magnifico poncho portabilissimo, e sono molto contenta di questa trasformazione. Questo lo indosserò di sicuro, e dati i colori si abbinerà a qualunque capo indosserò per accompagnarlo.

Se a qualcuna interessa posso mandare le spiegazioni, molto semplici e divertenti da lavorare.

Posted on Leave a comment

Giallo limone per questo delizioso berrettino

 

E’ sempre di Phildar anche questo delizioso berrettino per neonato, nei colori bianco-ecru e giallo limone. Chiuso con due laccetti a formare delle “orecchie”, io lo trovo delizioso. La bella fascia a coste copre bene sia la fronte che le orecchie del piccolo, proteggendolo dal freddo.

E’ dato nelle taglie 3 mesi, 6 mesi, 12 mesi. Vi occorrono 1 gomitolo per colore e ferri no. 3.5
Campione: 23 m. x 30 righe a m.rasata = cm. 10 x 10

Montare 46 m. (50 m. / 52 m.) con il filato ecru e lavorare a coste 1/1 per 12 ferri. In seguito lavorare a m. rasata alternando due righe ecru e due righe giallo limone. A cm. 17 (cm. 18 / cm. 19) chiudere tutte le maglie.

Confezionare un secondo pezzo uguale, poi unirli diritto contro diritto e cucirli sui tre lati a m. rasata. Con un pezzetto di filato di altro colore realizzare due nastrini con cui chiudere i due lati formando le “orecchie”.

Qui trovate il pdf originale in francese con gli schemi che vi aiutano a comprendere.